Milleproroghe: tutti i dettagli

E’ stato approvato in prima lettura alla Camera il Decreto Milleproroghe. Il provvedimento ha in pancia importanti misure per il paese, tra cui: la norma che elimina l’indennizzo per mancati guadagni alle società concessionarie inadempienti (in caso di revoca il nuovo affidamento andrà ad Anas); estendiamo fino al 31 dicembre 2020 il cosiddetto “bonus verde”, una detrazione del 36 per cento delle spese documentate (massimo detraibile di 1.800 euro), per installare impianti di irrigazione, realizzare pozzi e giardini; prolunghiamo a tutto il 2020 gli incentivi per l’acquisto di veicoli elettrici o ibridi e abbassiamo la soglia di emissioni dei veicoli ibridi sotto la quale è possibile godere degli incentivi; abbiamo rimandato a non prima del 2021 la fine del mercato tutelato di energia e gas per le piccole imprese e non prima del 2022 per le microimprese e le famiglie, evitando così che nel 2020 le bollette di milioni di consumatori finali aumentassero indiscriminatamente; diamo forte impulso all’autoconsumo energetico, grazie a un emendamento che consente a gruppi di cittadini, condomini dello stesso palazzo, commercianti, piccoli imprenditori e pubbliche amministrazioni di unirsi per condividere l’energia elettrica da fonti rinnovabili, creando delle comunità energetiche per lo scambio di energia; facilitiamo le stabilizzazioni dei dipendenti pubblici estendendo i termini temporali per portarle a termine fino al 31 dicembre 2021; abbiamo respinto il lodo Annibali che avrebbe rinviato la riforma della prescrizione; la pubblica amministrazione avrà tempo fino al 31 dicembre 2021 per stabilizzare tutti coloro che hanno rapporti di lavoro a termine nell’amministrazione dello stato; abbiamo prorogato fino al 31 dicembre 2020 i termini per quanto riguarda l’attuazione del turn over nella pubblica amministrazione; grazie a un apposito fondo i corpi di polizia, il corpo nazionale dei vigili del fuoco, le agenzie, anche fiscali, e altri enti pubblici potranno decidere di assumere nuovi operatori fino al 31 dicembre 2020; favoriamo le assunzioni a tempo indeterminato negli enti locali virtuosi, al fine di accelerare gli investimenti pubblici; garantiamo una maggior disponibilità di risorse di cassa per l’anno 2020 agli enti locali in situazione di pre-dissesto; tramite la presidenza del consiglio diamo un supporto tecnico alle pubbliche amministrazioni in alcuni ambiti della trasformazione digitale per quanto riguarda la diffusione del sistema di pagamento elettronico attraverso la piattaforma tecnologica per l’interconnessione tra le pubbliche amministrazioni e i prestatori di servizi di pagamento, e rafforziamo inoltre il ruolo della piattaforma pago P.a; stabiliamo che il dipartimento della funzione pubblica, entro il 30 marzo 2020, elabori bandi-tipo per garantire omogeneità di contenuti e tempestività nell’avvio delle procedure concorsuali; diamo la possibilità di ristrutturare il debito degli enti locali con accollo allo stato; per porre un rimedio alla annosa carenza delle figure dei segretari comunali prevediamo un percorso accelerato di accesso all’albo; abbiamo investito 10 milioni di euro per il 2020 per migliorare il funzionamento di Anpal spa; siamo riusciti ad aumentare l’assegno che spetta ai lavoratori cassaintegrati della grande distribuzione; prevediamo che per digitalizzare la trasmissione dei dati delle verifiche l’Inail predisponga una banca dati informatizzata; abbiamo previsto un pacchetto di misure di sostegno al reddito per i lavoratori delle aziende in crisi, tra cui l’Ilva e l’area di crisi di Venezia-Porto Marghera; abbiamo inserito lo stop all’adeguamento delle tariffe autostradali per i concessionari il cui periodo regolatorio è scaduto; proroghiamo di 3 anni lo stato di emergenza del ponte Morandi e proroghiamo da 12 a 19 mesi il periodo massimo di indennità per i lavoratori del settore privato impossibilitati o penalizzati a prestare attività lavorativa dopo il crollo del ponte Morandi; abbiamo trasferito a titolo gratuito la tratta ferroviaria bari-bitritto al gestore dell’infrastruttura ferroviaria nazionale (fs); tornano gli incentivi (pari al 30% del prezzo di acquisto, con un tetto massimo fissato a 3.000 euro ) per chi vuole acquistare moto o scooter elettrici e ibride, rottamando il vecchio mezzo inquinante; abbiamo stanziato 3 milioni di euro dal 2020 al 2022 per finanziare la transizione ecologica dei trasporti nel territorio di Roma capitale; abbiamo aumentato di oltre un milione di euro, per gli anni 2020 e 2021, le risorse per le aree marine protette; l’arma dei carabinieri potrà assumere personale operaio a tempo determinato, per un massimo di 36 mesi, da assegnare alla manutenzione e alla cura del grande patrimonio delle riserve naturali statali e della biodiversità; sono stati approvati con riformulazione i nostri emendamenti che prorogano la moratoria contro le trivelle e gli air gun fino a 30 mesi, di fatto sei mesi in più rispetto a quanto previsto nella norma originaria; proroghiamo al 31 dicembre 2020 il termine a partire dal quale sarà obbligatorio per i titolari di terreni agricoli che accedono ai fondi europei, per importi non superiori ai 25 mila euro, presentare la documentazione antimafia; stanziamo 30 milioni di rimborso alle regioni per somme anticipate per far fronte ad imprese agricole danneggiate da eventi calamitosi; abbiamo rafforzato i controlli a tutela del made in italy agroalimentare; a partire dal prossimo 16 febbraio i nuclei familiari potranno procedere con il rinnovo dei contratti assicurativi per i propri veicoli sfruttando la nuova norma sulla rc “familiare” che permette di uniformare tutte le classi andando ad utilizzare la classe di merito più favorevole per tutti i veicoli di famiglia; proroghiamo al 30 giugno 2020 il termine per l’iscrizione agli appositi elenchi speciali per gli oltre 20 mila operatori sanitari che devono validare il riconoscimento dell’equivalenza al diploma di laurea di alcune professioni sanitarie; incrementiamo ulteriormente le risorse destinate ai fondi contrattuali per il trattamento economico accessorio della dirigenza medica, sanitaria e veterinaria e per la dirigenza delle professioni sanitarie; abbiamo approvato un emendamento al dl milleproroghe che prevede il finanziamento di 2 milioni di euro all’istituto nazionale per le malattie infettive ‘lazzaro spallanzani’ di Roma; estendiamo l’accesso a questi ruoli all’interno del servizio sanitario nazionale, anche ai medici specialisti in medicina di comunità e cure primarie, disponendo l’aggiornamento dei decreti sulle equipollenze; abbiamo incrementato di 2 milioni di euro, per tutto il 2020, il fondo per l’assistenza dei bambini affetti da patologie oncologiche istituito nella legge di bilancio 2018; i camici bianchi potranno continuare a lavorare nel servizio sanitario nazionale anche superati i 40 anni di attività, su base volontaria, fino ai 70 anni di età; a partire dal 2020, saranno stanziati 4 milioni di euro l’anno per l’ampliamento dell’attività di ricerca della scuola sperimentale di dottorato internazionale “gran sasso science institute”; abbiamo stanziato 6,3 milioni di euro nel 2020, 25,4 milioni nel 2021 e 23,9 milioni annui dal 2022 per dotare le scuole secondarie di secondo grado di nuovi docenti; slittamento al 2020 del pareggio di bilancio per le fondazioni lirico-sinfoniche soggette a procedura di risanamento; proroga al 2020 del regime speciale per assunzioni nell’ambito di “Matera capitale europea 2019 della cultura”; un milione di euro al Fus (fondo unico dello spettacolo) dal 2020 per rievocazioni storiche e promozione di eventi e feste per la valorizzazione dei beni culturali; proroga di contratti a tempo determinato al 31 dicembre 2020 stipulati da istituti e luoghi della cultura per rafforzamento di servizi di tutela e valorizzazione; rafforziamo le modalità di verifica per l’implementazione della clausola del 34%, che impone alle pubbliche amministrazioni di spendere per investimenti nel sud una quota proporzionale alla popolazione residente; +6,5 milioni per piano straordinario made in italy; 50 milioni di euro per favorire l’internazionalizzazione delle nostre imprese; rafforziamo la fiducia dei contribuenti rimandando controlli a Isa 2020; incrementiamo i fondi disponibili per rimborsare le famiglie colpite dal sisma del 1990, nelle province siciliane di Catania, Siracusa e Ragusa; proroga triennale dello stato di emergenza del Molise; proroghiamo sino al 31 dicembre 2021 lo stato di emergenza sisma di Emilia Romagna, Lombardia e Veneto; le imprese abruzzesi non possono pagare le conseguenze di ritardi che nulla hanno a che fare con la loro volontà nella quantificazione dei danni subiti a seguito del drammatico terremoto che ha colpito l’aquila; garantiamo nuove assunzioni e maggiori risorse per la cooperazione internazionale; riapertura termini domande per indennizzo vittime reati violenti; al fine di proseguire la ricerca scientifica in alcuni determinati campi, proroghiamo al 1 gennaio 2021 la disposizione di attuazione della direttiva 2010/63/UE sulla protezione degli animali utilizzati a fini scientifici; sempre in materia di animali, garantiamo più risorse per la sperimentazione alternativa; rinviamo al 19 ottobre 2020 l’entrata in vigore della disciplina in materia di class action; garantiamo le assunzioni dei Vigili del Fuoco e del comparto sicurezza difesa in deroga a limiti assunzionali; ottimizziamo le procedure per il rilascio dei brevetti di assistenti bagnanti; abbiamo esteso l’assegno per grandi invalidi di guerra esteso fino al 2022; abbiamo approvato il nostro emendamento al dl Milleproroghe per dare più poteri alla Consob per contrastare le frodi finanziarie online; abbiamo prorogato di 2 anni l’utilizzo dei codici commentati.

Potrebbero interessarti anche...

shares